Dove fare trekking in Sardegna con tutta la famiglia

Tutti conoscono la Sardegna per via del suo mare e delle sue spiagge, ma non c’è solo questo. Spesso le sue meraviglie naturali si possono raggiungere solamente camminando così da permettere un connubio tra relax e voglia di fare escursionismo con la famiglia. Alcune escursioni, anche se di livello piuttosto facile, sono un pochino impegnative in termini di lunghezza di percorso, ma con un po’ di buona volontà ed un buon pranzo al sacco il gioco varrà la candela. E se volete riposarvi dopo una giornata di trekking, qui potete leggere dove trovare le spiagge più belle della Sardegna

I percorsi per fare trekking in Sardegna con la famiglia

Escala del Cabirol

Conosciuta anche con il nome di Scala del Capriolo, permette di accedere alla Grotta di Nettuno da Capo Caccia scendendo 656 scalini, che si snodano lungo le pareti verticali rocciose che scendono a strapiombo verso il mare. Sebbene non sia un vero sentiero, la camminata permette di ammirare dei fossili incastonati nella roccia e portare a casa dei ricordi unici.

Escala del Cabirol: foto di Roberto Ferrari – https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/

Batterie di Candeo

Nel Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena, più precisamente nella zona nord dell’Isola di Caprera, si trova un percorso ad anello della durata di un’ora e mezzo. La camminata collega due fortificazioni realizzate dalla Marina Militare durante la Seconda Guerra Mondiale: Arbuticci e le batterie di Candeo.

Questa imponente opera, creata dall’uomo e dalla natura, è una delle più belle da visitare soprattutto all’alba o al tramonto quando il sole valorizza il caldo colore del granito.

Cala Goloridze

Si tratta di uno dei simboli del Golfo di Orosei ed è la meta più ambita per gli escursionisti che, dopo una passeggiata, possono sdraiarsi sulla spiaggia sassosa all’ombra della Agulia di Goloridze.

Cala Goloritze: foto di Yesuitus2001 – https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/deed.it

Il sentiero parte dall’altopiano del Golgo, nel Sopramonte, e si snoda tra piccole gole, macchia e ricoveri di pastori, in una scena che rappresenta natura e tradizione.

Sebbene il percorso sia ben segnato, si consiglia di non percorrerlo durante le ore centrali della giornata, soprattutto in estate.

Gola di Gorropu

Gorropu, nel Sopramonte, è uno dei canyon più profondi (500 metri) che si possono trovare in Europa. Per raggiungerlo si possono percorrere due itinerari:

  • partendo da Genna Silana, abbastanza complesso
  • partendo da Sa Barva e risalendo la valle del Rio Flumineddu, più semplice e della durata di 2 ore.

Sentiero della Costa

L’itinerario della Costa, vicino ad Alghero, è percorribile senza difficoltà da tutti gli escursionisti. Si parte da Porto Ferro e si arriva a Cala Viola attraversando Cala del Turno e Cala del Vino con la possibilità di ammirare, lungo la passeggiata, le antiche torri di avvistamento saracene.

Credit foto d’apertura: @alessandra-fusé

E' TEMPO DI SCIOGLIERE LE VELE... I MARI ITALIANI TI ASPETTANO